Tesla Supercharger in tutta Italia entro il 2016

Entro la fine del 2016 le colonnine di ricarica Supercharger di Tesla saranno presenti in tutta Italia, parola di Elon Musk. Il poliedrico e visionario patron di Tesla Motors ha risposto ai tweet di alcuni utenti, rassicurandoli sul fatto che il nostro Paese non è stato dimenticato dai piani di espansione internazionali dell’azienda californiana.

tesla-model-3-2017-12
Il recente lancio della Tesla Model 3 ha regalato una impennata di popolarità incredibile al marchio; tutti ne parlano e in tanti hanno pensato almeno per un momento di possedere una delle particolari auto elettriche californiane. Forte del successo che il nuovo modello sta riscontrando già a scatola chiusa, Elon Musk guarda lontano e rassicura pubblicamente i potenziali clienti sulla disponibilità di punti di ricarica per le vetture Tesla. In Europa è la Germania il Paese con il maggior numero di colonnine con il brand americano, ma Musk dichiara di aver pensato anche all’Italia, promettendo che entro la fine dell’anno tutto il territorio dello Stivale sarà coperto dai distributori self service.

L’autonomia ridotta e la carenza, soprattutto nelle nostre città e autostrade, di punti di ricarica, sono alcune delle cause che frenano con decisione la diffusione dei veicoli elettrici. Anche i tempi per la ricarica delle batterie sono un argomento delicato e che probabilmente fa desistere chi sta valutando la possibilità di acquistare un’auto elettrica. Quest’ultimo tema è stato affrontato, e in parte risolto, da Tesla con l’introduzione dei nuovi impianti di ricarica Supercharger. Le stilose colonnine, che l’azienda sta collocando in giro per il Mondo a ritmo sostenuto, offrono ottimi livelli di ricarica in tempi molto ridotti. Sul sito italiano del Costruttore è specificato che 30 minuti di ricarica, queste assicurano circa 270 chilometri di autonomia. Interessante è il costo di ogni ricarica, zero euro. I clienti Tesla infatti possono ricaricare gratuitamente e a piacimento nelle postazioni Supercharger.

Altro dubbio che ha voluto fugare il numero 1 di Tesla riguarda l’assistenza delle vetture elettriche; entro i prossimi due anni i centri assistenza, a livello globale, saranno 441, praticamente più del doppio degli attuali 215. Intanto la Model 3 sta spopolando e ha superato le 300.000 prenotazioni online, per entrare in lista d’attesa è sufficiente un versamento di appena 1.000 dollari. La nuova compatta Tesla comunque non arriverà in Italia prima del 2018.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>