Maserati Levante, piace alle donne e ai giovani

La Maserati Levante è il primo suv realizzato dal Tridente e non rappresenta soltanto un punto di rottura con la tradizione del marchio. Secondo il marketing della maison sportiva i modelli a ruote alte sono indispensabili per attrarre un bacino di utenti nuovo, strizzando l’occhio ai giovani e, soprattutto, al pubblico femminile. Sul futuro del brand e sulla possibilità di perseguire la strada dei Suv, ampliandone la gamma, si è espresso il Numero 1 di Maserati.

Maserati Levante 1
Sul Suv Maserati sono riposte non poche speranze, sia per l’espansione internazionale del prestigioso marchio italiano, sia per l’ampliamento e la diversificazione della clientela. Per le nostre strade si incrociano molte donne alla guida di Suv, sul perché il gentil sesso adori questa tipologia di auto si è interrogato il CEO Maserati Harald Wester, il quale crede che l’impatto emozionale, creato principalmente dal design, è determinante ed emana un fascino irresistibile.

Riguardo la possibilità di ampliare l’offerta oltre la Levante, il manager non ha escluso questa possibilità, ma ha specificato che dipenderà da come si evolveranno i gusti e le preferenze degli utenti.

Parlando di futuro, Wester ha dato per scontato l’introduzione della mobilità elettrica e della guida autonoma. A differenza di Ferrari, la quale, nonostante la scissione continua a collaborare a stretto contatto con Maserati, ha apertamente dichiarato di non essere, almeno a breve e medio termine, interessata alla tecnologia driverless; in Maserati invece si crede tanto nelle auto senza conducente e sulle opportunità che esse offriranno. Allo stesso modo sono chiari gli sviluppi verso l’elettrificazione delle sportive del Tridente, le quali tenderanno ad adottare sempre più tecnologie a basso impatto ambientale.

A chi punta il dito, criticando le scelte di introdurre Suv, vetture elettriche e auto senza conducente nella gamma Maserati, Wester risponde che, per quanto sia importante la tradizione, è impossibile non lottare per il futuro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>