Hai una Volkswagen o Audi? Scopri cosa devi fare!

In questo momento gli automobilisti proprietari di automobili del Gruppo Volkswagen saranno di certo perplessi e preoccupati circa le sorti della propria vettura, ovviamente se questa rientra tra i modelli “incriminati”, svelati dallo scoppio dello scandalo Dieselgate. Da Wolfsburg arriva finalmente una notizia che riguarda proprio il parco circolante di automobili con le emissioni “taroccate”. Scopriamo qual è la prima contromisura pensata da Volkswagen.

Numerosi Governi internazionali hanno deciso, senza mezzi termini, di vietare la vendita di automobili a marchio Volkswagen, Audi, Skoda e Seat equipaggiate con i motori della serie EA 189, congelando di fatto gli stock a disposizione dei concessionari della rete ufficiale e dei rivenditori. A questi primi “colpi” i vertici del colosso tedesco rispondo con un piano per rettificare le emissioni delle vetture già circolanti. Sinceramente le notizie arrivate dal quartier generale VW sono piuttosto vaghe e si prospetta un vero e proprio richiamo ufficiale, forse uno dei più imponenti finora effettuati. Volendo essere positivisti, apprezziamo almeno l’intento di voler arginare subito il danno ambientale, mettendo in regola le auto che circolano nelle nostre città, riallineando le emissioni a quanto prescritto dalla normativa Euro 5.

Già dalle prossime settimane da Wolfsburg verrà presentato agli organi governativi il piano completo delle azioni da compiere su ogni singola vettura per ripristinarne i valori. I proprietari delle auto coinvolte in quello che ormai si chiama Dieselgate, riceveranno una notifica a mezzo posta con la quale verranno invitati a recarsi in una delle officine autorizzate. Al momento quindi non si conoscono né le esatte operazioni che verranno compiute, ma sarà probabilmente una rimappatura completa della centralina, né i tempi tecnici per l’attuazione di ogni singolo intervento. Quello che è certo è che i proprietari non dovranno sostenere alcun costo per mettere a norma il proprio veicolo.

[secondooscroll]

Tutto questo ci porta alla mente alcuni interrogativi. Quanto cambieranno, in negativo, le prestazioni di una vettura rimappata per contenere le emissioni inquinanti? Se una di queste auto verrà immessa nel mercato dell’usato, sarà un veicolo “marchiato” dall’infamia dell’intera vicenda e quindi subirà delle pesanti svalutazioni? Diteci la vostra in merito e, se siete tra i proprietari di un auto coinvolta nel Dieselgate, esponeteci le vostre perplessità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>