Prova su strada Nuova Mini Cooper D

La Mini arriva alla terza edizione e tanta è la curiosità non solo e non tanto di vederla quanto di provarla. Noi l’abbiamo fatto e siamo pronti a raccontarvi le nostre sensazioni di guida. La vettura provata è la Cooper D, dotata del nuovo motore tre cilindri turbodiesel 1.5 116 cavalli.

La Mini cambia pur restando sempre fedele a se stessa. Una vettura speciale e di successo come la piccola anglo-tedesca non avrebbe potuto sottoporsi ad una rivoluzione totale senza pagarne dazio in termini di apprezzamento da parte dei suoi estimatori. E allora, da un punto di vista estetico le modifiche ci sono, sono anche evidenti ma non in grado di suscitare perplessità agli occhi degli ammiratori della Mini. Più larga di 5 cm ma, soprattutto, più lunga di 12. Merito del nuovo pianale Bmw che debutta proprio con la Nuova Mini e che sarà utilizzato per le future Bmw a trazione anteriore.

Le dimensioni accresciute consentono di poter usufruire di un bagagliaio un po’ più capiente e di un divanetto posteriore leggermente più “umano”. Tutto qui.

Salendo a bordo si viene accolti da un’atmosfera speciale: per la Nuova Mini si potrebbe parlare di una assimilazione del gattopardesco concetto del “occorre che tutto cambi affinché resti tutto uguale”. C’è il grande display centrale, il nuovo volante, i tasti per il controllo dei tergicristalli posti sulle portiere, la manopola in stile iDrive per la gestione dei dispositivi ed il selettore Mini driving modes. La qualità dei materiali è, al solito, davvero elevata.

Proprio il selettore Mini driving modes rappresenta una novità importante: esso consente di scegliere la tipologia di guida a seconda che si prediliga una guida tranquilla ed attenta ai consumi (Green) o che si cerchi maggior reattività da parte dello sterzo e dell’acceleratore (Sport).

Il feeling di guida cambia poco rispetto ai modelli precedenti. Le dimensioni accresciute non hanno imborghesito la vettura. La sensazione di guida restando ben piantati a terra (il famoso kart-feeling) è rimasta. Questo feeling di guida conserva anche l’incapacità tipica di una Mini di assorbire le asperità del manto stradale. Forse la Nuova Mini è meno grezza nelle reazioni, più pulita e semplice da guidare grazie a sterzo e dispositivi elettronici decisamente efficienti. La Cooper D è dunque una piccola vettura da guidare con piacere e divertimento, pur non essendo nè la Cooper alimentata a benzina nè, soprattutto, la Mini Cooper Works, la Mini è un’auto che non ha eguali tra le piccole turbodiesel.

A livello di prestazioni la Nuova Mini è più veloce, raggiungendo infatti i 205 km/h contro i 197 della versione 2006 ed è anche più scattante, capace com’è di scattare da 0 a 100 km/h in 9,2 secondi (9,7 invece per la versione 2006). Ed anche sul fronte consumi, almeno per quanto riguarda i dati dichiarati, la Nuova Mini fa meglio della versione precedente: 3,5 litri per 100 km nel ciclo combinato. Per quanto riguarda invece i dati rilevati su strada, la vettura percorre oltre 18 km con un litro in città, 21,7 su statale e 18,2 in autostrada. Una media, insomma, di 19 km con un litro (mentre i dati dichiarati raccontano di irraggiungibili 28,6 km con un litro, ma questo non è un problema ascrivibile soltanto alla Bmw-Mini ma a tutte le case automobilistiche).

Nel complesso dunque la Mini eccelle o quasi per quanto riguarda strumentazione audio e navigazione, visibilità, finiture, accessori, cambio, sterzo, comportamento stradale e consumi mentre ottiene punteggi piuttosto bassi per quanto riguarda bagagliaio, abitabilità, ripresa e prezzo. Già, il prezzo resta la nota dolente (a seconda dei punti di vista). La Mini Cooper D, di listino, ha un prezzo di 21.950 euro, ma sfidiamo anche i più attenti e puntigliosi dei potenziali clienti a uscire da un concessionario con un preventivo che sia vicino ai 22.000 euro.

Però chi ha avuto la fortuna di guidare una Mini sa che dietro un prezzo che non ha eguali si nascondono qualità dei materiali, ricercatezza e la sensazione di vivere un’esperienza unica ogni qual volta ci si mette al volante. E tutto ciò ha un costo.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>