Opel Astra



Nuova Opel Astra

Auto Concessionari
Opel >>

Anticipazione della Nuova Opel Astra del 2010



Commenti Commenta Stampa Stampa Facebook oknotizie Wikio IT diggita

La presentazione ufficiale è avvenutaal Salone di Francoforte 2009 , la sua commercializzazione è cominciata nel 2010, per la Nuova Opel Astra il successo di critica e di pubblico è stato immediato.

 

Una vettura che, come già avvenuto per la fortunata Insignia, avrà il non facile compito di erodere quote di mercato alle agguerrite rivali. Rivali del calibro dalla Nuova Golf, della Fiat Bravo e la Ford Focus. Contemporaneamente, la Nuova Opel Astra dovrà vedersela con la rinnovata (anch'essa in uscita nel 2010), Citroen C4.



Nuova Opel Astra 2010







Le novità della Nuova Astra sono soprattutto estetiche. Un nuovo frontale, più filante e più lungo al fine di salvaguardare i nuovi standard di sicurezza. Con gruppi ottici rinnovati, una calandra dal design minimal ma ben realizzata. Lateralmente, la Nuova Astra maggiormente scolpita. Anche la coda è un po' più lunga.


Nonostante la piattaforma di realizzazione sia del tutto nuova, e verrà utilizzata anche per la produzione di altri modelli del gruppo, il passo resta invariato rispetto al modello attuale. Così come l'abitabilità e la capacità di carico.

 

Proposta inizialmente soltanto nella carrozzeria a 5 porte, sul finire del 2010 sarà presentata anche la versione station wagon, denominata Nuova Astra Sports Tourer. La lunghezza complessiva è di 4,42 metri. Il telaio è di tipo meccatronico, lo stesso concetto cioè utilizzato per la Insignia, con le sospensioni di tipo FlexRide, adattive ed in grado di adattarsi allo stile di guida ed alle condizioni della stessa.


A livello di meccanica, la Nuova Astra si caratterizza per il motore anteriore trasversale, mentre nuove soluzioni si stanno testando al fine di rendere maggiormente integrati i vari sistemi di sicurezza, la centralina motore ed il servosterzo idraulico.


In alcune versioni, per la prima viene adottata la soluzione della trazione integrale. Si tratta di uno schema con frizioni multidisco Haldex con retrotreno a bracci multipli.


Tra le motorizzazioni prescelte, tutte omologate Euro 5, ci sono 4 versioni benzina e 4 a gasolio.

 

Tra le versioni a benzina troviamo il 1.400 Turbo da 100 cavalli, versione di ingresso nel listino, proposta ad un prezzo di 16.901 euro, seguita dal nuovissmo propulsore 1.400 turbo da 140 cavalli, proposta a partire da 18.651 euro, in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 9,7 secondi con un consumo medio di 5,9 litri per 100 km.

 

Due le versioni 1.600, quella da 115 cavalli (a partire da 17.901 euro), 11,7 secondi in accelerazione 0-100 km/h, consumo medio di 6,3 litri per 100 km e quella, più potente, da 180 cavalli (a partire da 22.151 euro), in grado di accelerare da 0 a 100 in 8,5 secondi, di raggiungere i 221 km/h e con un consumo medio di 6,8 litri per 100 km.

 

La versione diesel di base è la 1.3 CDTI, con 95 cavalli di potenza, da prediligere per chi vuole ottenere i consumi più bassi possibili. E' in grado di infatti di percorrere 100 km com 4,2 litri. Più spinte le versione 1.700 cc, proposte nelle versioni da 110 e da 125 cavalli. Top di gamma è la 2.0 CDTI da 160 cavalli, proposta ad un prezzo di 24.151 euro, in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 9 secondi netti, e di consumare mediamente 4,9 litri per 100 km.

 

Tutti i prezzi e le prestazioni sono disponibili nelle schede tecniche Opel Astra.

 

 

 

auto nuove