Honda Insight Toyota Prius



Confronto Honda Insight Toyota Prius


Auto Concessionari
Honda >>

Confronto tra la Nuova Honda Insight e la Nuova Toyota Prius



Commenti Commenta Stampa Stampa Facebook oknotizie Wikio IT diggita


A maggio del 2009 arriva la Nuova Toyota Prius, la terza serie della ibrida più amata ed apprezzata al mondo. La Honda Insight, l'unica vera grande rivale dalla Prius è già pronta per essere consegnata ai primi fortunati acquirenti. Difficile fare un confronto realistico tra le due vetture, visto che la Prius deve ancora ufficialmente uscire, ma le voci autorevoli di chi ha già avuto modo di salire a bordo e provarla, oltre ai dati già forniti dai costruttori, consentono di effettuare delle considerazioni che possiamo riassumere come il confronto tra la Toyota Prius e la Honda Insight.





Guida acquisto auto ecologiche



Confronto Prius Insight



La Toyota Prius è una vettura davvero eccezionale che molti consensi ha ottenuto, in tutto il mondo. Per chi ha un cuore, e una mente, sensibile ai problemi dell'ambiente, come molte star di Hollywood, così come per chi guida e lavora nelle grandi aree metropolitane soggette a vincoli e limiti al traffico, come molti tassisti anche italiani, la Prius ha rappresentato un ottimo investimento, nonostante il prezzo, non proprio abbordabile, di 26.351 euro (ultimo listino).

 

La Honda Insight gioca proprio sul prezzo, inferiore, non solo per rosicchiare quote di mercato alla connazionale Prius, ma per arrivare a contenderne la leadership mondiale. La Honda Insight viene infatti proposta ad un prezzo di 19.900 euro. Ovviamente, gli incentivi statali del 2009 consentono di portarsi a casa la Prius con 21.351 euro e la Insight con 14.900 euro.


Da quando la Honda ha annunciato la sua Ibrida, si è scatenata una vera e propria battaglia di dichiarazioni, anticipazioni ma anche rivelazioni a sorpresa da parte di addetti ai lavori e manager stessi delle due case automobilistiche. Se la Insight propone la sua ibrida ad un prezzo decisamente concorrenziale, la Toyota ha annunciato al mondo intero che, nonostante l'uscita della terza serie della Prius, la seconda resterà sul mercato per un altro anno, ad un prezzo, guardacaso, di 19.900 euro, ossia lo stesso della Insight.


Da un punto di vista estetico le due vetture si somigliano molto. Le dimensioni sono importanti per la Honda Insight, quattro metri e mezzo di lunghezza, un metro e settanta di larghezza ed un metro e mezzo di altezza, il tutto anche per accogliere un buon bagagliaio di oltre 400 litri. Per la Prius, le dimensioni sono di 4 metri e mezzo, la larghezza di 1 metro e 72 centimetri e al metro e mezzo di altezza.

Lo stile estetico della Prius prima e della Insight dopo ha fatto e fa discutere, perchè si tratta di due vetture che sono lontane anni luce dalle forme apprezzate in occidente, ma l'impressione è che con il tempo, a furia di vederle circolare per le città, queste forme così poco usuali stanno iniziando a farsi apprezzare.


Il motore della Honda Insight è il 4 cilindri di 1.339 cc i-VTEC alimentato a benzina, cui è abbinata una batteria elettrica. Il sistema IMA (Integrated Motor Assist) si inserisce autonomamente in determinate fasi di viaggio, come quando si circola in città a velocità al di sotto dei 50 km orari. Il motore elettrico abbinato è in grado di sviluppare una potenza di 13,6 cavalli per 103 Nm di coppia, mentre il benzina ha una potenza di 88 cavalli ed un rapporto di coppia di 123 Nm.


Il motore della Nuova Toyota Prius è invece un 1.800 con una potenza di 98 cavalli, in grado di sviluppare un rapporto di coppia massima di 142 Nm. Un deciso potenziamento rispetto al 1.500 della seconda serie della Prius,


Per quanto concerne le prestazioni, dunque, la Prius è nettamente in vantaggio, con un'accelerazione di 9,8 secondi da 0 a 100 km/h rispetto ai 12,5 della Insight, che la rendono sufficientemente scattante anche per chi ama spingere il pedale un po' più a fondo. Ottimi, ovviamente, i consumi, anche se, in questo caso, è la Insight ad essere in vantaggio, percorrendo 100 km con 4,4 litri rispetto ai 4,7 della rivale.


Sulle riviste e sui blog specializzati si sta già da tempo dibattendo relativamente alla convenienza di queste vetture rispetto ad altre ibride più economiche o rispetto alle vetture a Metano o a Gpl. Noi, in questo caso, ci asteniamo dal giudizio, limitandoci a pubblicare una formula matematica utile a calcolare la convenienza di una ibrida pura rispetto ad una tradizionale tenendo conto del maggior costo della prima. La formula :


Indicando la percorrenza di un’automobile ibrida con A (km/l) e la percorrenza di un’automobile tradizionale con B (km/l), la differenza di prezzo tra le due automobili è P (euro) e il prezzo della benzina è F (euro/l), la distanza da percorrere per ripagare la differenza di prezzo è data dalla seguente formula:


shiki


La formula è semplice, ma nell’applicazione reale va corretto il fattore P in considerazione di fattori come contributi governativi e sconti sulle tasse per l’acquisto di veicoli ibridi.

La stessa formula può essere utilizzata per confrontare la convenienza di due veicoli ibridi. Basta impostare la percorrenza del migliore dei due veicoli ibridi da confrontare come A (km/l) e di quello peggiore come B (km/l).

 

Calcoli matematici a parte, è chiaro che sempre più la coscienza ecologista e le limitazioni del traffico cittadino rendono sempre più utili, convenienti e, perchè no, alla moda, queste vetture. Nella ormai quasi quotidiana battaglia di cifre e dichiarazioni, spicca quella relativa agli ordini: in Giappone ci sono stati già 18.000 ordini nel primo mese di vendita della Insight, mentre la Honda dichiara che il nuovo modello riceverà 40.000 ordini prima ancora della sua uscita ufficiale.

 

Da un punto di vista della guida utilizzeremo queste pagina per riportarvi i dati relativi al confronto su strada tra le due vetture, che contiamo di pubblicare entro l'estate del 2009.

 

auto nuove