Porsche: asse posteriore sterzante per la 911 Turbo e 911 GT3

Porsche ha rispolverato un tema in auge tra la fine degli anni ’80 e i primi degli anni ’90: le ruote posteriori sterzanti; pochi modelli di serie, prodotti soprattutto da Case giapponesi, hanno potuto finora vantare una simile e raffinata soluzione meccanica. Sembra che questa insolita scelta stia tornando in auge e vari costruttori la stanno seriamente considerando. Tra questi la blasonata Casa tedesca ha scelto l’asse posteriore sterzante per i bolidi 911 Turbo e 911 GT3.

In merito a questa peculiarità meccanica, Porsche ha diffuso un video che spiega in maniera piuttosto chiara come effettivamente funziona il retrotreno sterzante e soprattutto evidenzia i vantaggi che questa soluzione apporta alla guida di una sportiva. Il sistema messo a punto dal costruttore germanico è basato sulla regolazione elettromeccanica di ogni singola ruota dell’assale posteriore. Questo si traduce nella possibilità di imprimere a ogni ruota angoli di sterzata differenti, adattandoli allo stile di guida, alla velocità di percorrenza e al tipo di sterzata desiderata.

A cosa servono quattro ruote sterzanti? E’ la domanda che un po’ tutti ci siamo posti in passato e che tanti, i quali magari ne sentono parlare per la prima volta, si stanno ponendo. Spiegando il concetto in parole povere, quando ci si muove a bassa velocità il retrotreno tende a sterzare in senso opposto all’assale posteriore. Questo accorcia sensibilmente il passo della vettura, rendendo ad esempio più agevoli le inversioni a U o le manovre di parcheggio. Viaggiando invece a velocità sostenute il retrotreno asseconda la sterzata dell’avantreno, allungando il passo e incrementando virtualmente il passo dell’automobile; questo comporta un miglioramento della stabilità e, al tempo stesso, rende l’auto più efficace nei cambi repentini di direzione, come ad esempio un sorpasso in pista.

Come abbiamo evidenziato in apertura, questa tecnologia al momento è disponibile di serie soltanto sulle Porsche 911 Turbo e sulle Porsche 911 GT3; è disponibile invece come optional sulle Porsche Carrera S MY 2016, ma non è stato ancora specificato il prezzo di listino.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>