Nuova Alfa Giulia: prezzi, motori e data di uscita

E’ senza dubbio l’auto italiana più attesa da parecchi anni in qua. Con la Nuova Giulia, l’Alfa Romeo vuole rilanciarsi come marchio premium in tutto il mondo, andando ad erodere quote di mercato alle attuali regine del segmento: Audi, Bmw e Mercedes Benz. Presentata con grande orgoglio e fiducia da Marchionne e John Elkann, ecco le principali caratteristiche della Giulia.

La cosa che credo sia più rilevante nella Nuova Alfa Giulia è la trazione: la trazione posteriore rappresenta la prima, decisiva, mossa da parte dei vertici di FCA per mostrare al mondo che questa nuova berlina è in tutto e per tutto, una vera Alfa Romeo. Un’Alfa Romeo autentica, vecchio stile, dedicata soprattutto a chi cerca emozioni alla guida.

Attendersi novità eclatanti sarebbe stato ingenuo però davvero con al Giulia si è voluto dare un’impronta decisa al nuovo corso Alfa. Un’auto che sprizza energia e potenza ovunque la si guardi anche se il piccolo dubbio possibile è quello relativo al fatto che la vettura presentata al mondo sia la versione più sportiva, quella con il consueto Quadrifoglio Verde. Le versioni più “soft” ci daranno la stessa impressione di sportività e aggressività? Non resta che aspettare…

Caratterizzata dal nuovo logo Alfa, la Giulia è lunga meno di 4,80 metri (qualche cm in più delle principali rivali), con un passo di 2,82 metri.

Le rivali, appunto, sono quelle che chiunque può individuare senza problemi: l’Audi A4, la Bmw Serie 3 e la Mercedes Classe C.

Ci sarà tempo per effettuare dei veri confronti, sia da un punto di vista delle caratteristiche tecniche che, soprattutto, provandole su strada, ad oggi una cosa è possibile affermarla: per la Giulia la strada da fare è in salita, anche perché le sue rivali sono sul mercato da decenni ed hanno un vantaggio, tecnologico e di “brand” che sarà difficile da intaccare. Staremo a vedere…

Realizzata sulla base dell’inedita piattaforma modulare “Giorgio“, dalla quale saranno ricavate anche il futuro Suv e l’ammiraglia dell’Alfa.

Sulla linea c’è poco da dire poiché è tutto piuttosto evidente: aggressiva, slanciata, dinamica, equilibrata. Il tutto, senza rinunciare ad una innata eleganza.

FCA punta tutto sulla qualità percepita della vettura: una qualità che si può toccare con mano nel momento stesso in cui si entra in contatto con l’auto. Le superfici sono realizzate con cura e attenzione, i materiali sono pregevoli, con fibra di carbonio per cofano, tetto e albero della trasmissione e l’alluminio utilizzato per porte e parafanghi.

Gli interni si confermano all’altezza delle aspettative: sportività che però non rinuncia alla qualità e con tutte le innovazioni tecnologiche oggi disponibili sul mercato.

I motori

Quanto ai motori, alla base della gamma ci sarà il 4 cilindri Turbo in versione 180, 250 e 350 cavalli. Per quanto riguarda i turbodiesel, ci sarà il 3 litri sei cilindri 24 valvole con una potenza di ben 340 cavalli, ed un 4 cilindri più “tranquillo” 2.2 con 135, 180 e 210 cavalli.

Infine, la Quadrifoglio Verde, l’unica per la quale sono stati comunicati dettagli tecnici, 510 cavalli, accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi ed una velocità massima spaventosa: 320 km/h!

Data di uscita

Realizzata nello stabilimento di Cassino, l’Alfa Romeo Giulia sarà presentata al Salone di Francoforte di Settembre. Chi lo desiderà, potrà ordinarla a partire dalla fine del 2015 mentre le prime consegne avverranno a marzo-aprile del 2016.

I prezzi della Nuova Giulia

Nessuna comunicazione ufficiale, per ora, sui prezzi della Giulia. Essendo un’auto del segmento premium, è evidente come i prezzi non saranno proprio popolari. Anzi, essi saranno del tutto in linea con quelli delle rivali. Pertanto, prezzo di partenza oltre i 40.000 euro fino ad arrivare agli 80.000 per la versione Quadrifoglio Verde. Ovviamente, è bene aspettare ancora qualche settimana prima di avere delle certezze in tal senso.

Le immagini della Alfa Romeo Giulia

 

Il video della Alfa romeo Giulia

 

 

Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>