Peugeot 307



Nuova Peugeot 307

Auto Concessionari
Peugeot >>

Recensione della Peugeot 307


Si rinnova la Peugeot 307, forte degli oltre 2 milioni di esemplari del modello precedente, e pronta a bissarne il successo con questo restyling.


La parte anteriore presenta un'ampia presa d'aria con caratterizzazione sportiva, unite ad una rigidità ed una leggerezza derivanti dall'utilizzo dei materiali più leggeri presenti nel settore automobilistico.

 

 

Peugeot 307








La lunghezza della berlina aumenta e diventa ora di 4,21 metri, mentre larghezza e altezza restano invariate (1,73 m e 1,51), consentendo comunque una abitabilità rilevante.

 


La 307 ha la ormai classica forma che richiama le monovolume, tipica ormai di tutti i modelli dello stesso segmento, dalla Golf alla Nuova Bravo.

 


All'interno notiamo una plancia razionale con pregiate finiture in alluminio, o legno o pelle a seconda dell'allestimento scelto. Il quadro della strumentazione è formato da 4 elementi circolari con cromature.


Ottima la sicurezza attiva e passiva. La Peugeot 307 è molto rigida, e questo garantisce l'incolumità degli occupanti così come un ottimo comportamento stradale. Sei gli airbag di serie, con cinture di sicurezza pretensionate. Il sensore di pressione delle gomme segnala eventuali anomalie.


Il climatizzatore è di serie su tutte le versioni, mentre sulle versioni XS è di tipo bi-zona e studiato per ridurre al minimo i consumi supplementari.

 

 

Nuova 307


Le motorizzazioni vanno dal 1.4 16 valvole con 90 cv (a fasatura variabile di tipo VVT) al 2.0 16 valvole con ben 187 cavalli. Come via di mezzo, un 1.6 16 valvole da 110 cavalli ed un 2.0 da 138 cavalli. Tutte le versioni benzina denotano un comportamento sportivo particolarmente brillante.
Sul fronte dei diesel, sono tutti HDi, con filtro antiparticolato FAP e dunque Euro 4; troviamo quindi un 1.6 16 valvole presente sia da 90 che da 110 cavalli, ed un 2.0 da 138 cavalli, disponibile anche per il modello cabrio CC. Entrambi i motori sono del tipo Common Rail.


Il cambio è manuale a 5 rapporti, mentre la versione 2.0 HDi FAP di rapporti ne ha 6. Nel modello benzina 1.6 110 cv è possibile inserire
il cambio automatico Tiptronic Porsche, con comandi sequenziali.


La miglior posizione di guida la si può trovare in pochi secondi, grazie alle varie regolazioni del sedile e del volante. Lo sterzo è preciso e maneggevole, caratteristiche che rappresentano l'ideale sia per la comoda e pratica guida cittadina, sia per l'utilizzo sportivo e a velocità più sostenute.

Se, come abbiamo detto, i benzina sono tutti molto brillanti e potenti, ci sentiamo di consigliare l'acquisto delle versioni diesel, sia per le basse
emissioni inquinanti, sia perchè sono in grado di conciliare ottimamente prestazioni elevate a consumi molto bassi.