Alfa 147



Alfa Romeo 147

Auto Concessionari
Alfa Romeo >>

Recensione Alfa 147


Nell'Ottobre del 2000 viene alla luce la Alfa modello 147. Una due volumi che prende il posto della poco fortunata 145, senza però ricalcarne le orme. Sin dall'inizio della sua uscita, la 147 si impone sul mercato italiano dell'auto. La 147 piace. Piace ai giovani, piace agli alfisti che forse si erano anche un po' allontanati dalla loro fede in tema di automobili. Nell'anno 2001 arriva anche il riconoscimento degli addetti ai lavori, il premio Auto dell'anno, che la consacra come auto di alto livello e dagli standard finalmente di qualità. Nel 2004 arriva il momento di un primo restyling, che ne modifica fondamentalmente solo alcuni particolari, quali la mascherina anteriore ed alcuni dettagli interni.

Il design originale è statov curato da Walter Dè Silva e Wolfgang Egger. Secondo linee morbide ma sportive, che tanto abbiamo apprezzato nel corso di questi anni. Sembra che nel 2007 la mitica 147 vada in pensione, sostituita dalla 149, che ne ricalcherà le forme, in chiave ovviamente aggiornata. Le carattestiche di guida della macchina sono quelle tipiche di una sportiva, di qualunque motorizzazione si stia parlando.

La sua tenuta di strada infatti è tra le migliori della categoria. Il comportamento in curva che ne deriva, è assolutamente rassicurante. Anche l'impianto frenante è di quelli che si notano a primo impatto: lo spazio di frenata è decisamente ridotto. L'Alfa 147 dal suo restyling del 2004, dispone del EBD (Electronic Brake Distributor), versione dell'alfa dell'ESP. Il dispositivo aiuta il conducente intervenendo elettronicamente sulla stabilità della macchina in condizioni limite. Inoltre, le versioni 1.9 Jtd da 150 cv sono fornite di ASR, (Anti Slip Regulation), che limita il pattinamento delle gomme.

 

Alfa 147     Nuova 147     Alfa Romeo 147




Disponibile a 3 e 5 porte, la gamma della Nuova Alfa 147 dispone di tre versioni (Impression, Progression e Distintive); tredici modalità di colore della di carrozzeria; quattro ambienti interni; diversi rivestimenti tra tessuto, Alfatex e pelle; e tre propulsori a benzina e tre turbodiesel.


Le motorizzazioni turbodiesel sono rappresentati da due brillanti 1.9 JTD con potenze di 100 e 115 CV, Recentemente è stato messo sul mercato il potente 1.9 JTD 16v M-Jet che sviluppa una potenza di 150 CV a giri/min 4000 e una coppia di 31 kgm (305 Nm) a 2000 giri/min. Un diesel che non fa affatto rimpiangere le prestazioni dei benzina, guida sportiva e fascino Alfa garantiti.

Ultima nata in casa 147 è la versione Q2. Essa è caratterizzata dal differenziale autobloccante Q2, Esso entra in azione nel momento in cui la ruota interna alla curva tende a perdere di aderenza, la differenza di rotazione tra le due ruote determina un supplemento di attrito all'interno del differenziale stesso, che riduce lo slittamento di quella interna e aumenta la motricità di quella esterna, in presa solida. Riducendo i rischi in curva, se ne avvantaggia ovviamente la sportività. E' sul bagnato inoltre che il Q2 interviene maggiormente aumentando la sicurezza della vettura.